Foto 1-15/35  ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Piemonte - che cosa rimasto

Cavagnolo-Brusasco.  La linea Chivasso-Asti, di 51 km a trazione diesel, stata chiusa a settembre 2011 a seguito della presunta instabilit della galleria di Brozolo. In passato era rimasta interrotta per il crollo del ponte sul Po (alluvione del 1994) poi ricostruito nel 2000. I fabbricati di tutta la linea si distinguono per uno stile molto particolare, in laterizio e intonaco, opera dell'architetto svizzero J. Sutter (1912), che richiama le tradizionali ville piemontesi. Il fabbricato di Cavagnolo oggi sede di un circolo culturale.
Piemonte - che cosa  rimasto - Cavagnolo-Brusasco.

 

Brozolo.  Questa piccola stazione collocata appena prima della galleria di valico verso il Monferrato astigiano ed oggi un ristorante.
Piemonte - che cosa  rimasto - Brozolo.

 

Montiglio-Murisengo.  Insieme a Cavagnolo, era uno dei due impianti in cui era ancora attivo il binario di incrocio.
Piemonte - che cosa  rimasto - Montiglio-Murisengo.

 

Montiglio-Murisengo.  
Piemonte - che cosa  rimasto - Montiglio-Murisengo.

 

Cunico-Scandeluzza.  Di questa minuscola e sperduta fermata, colpisce l'elemento decorativo della finestra, in fusione metallica.
Piemonte - che cosa  rimasto - Cunico-Scandeluzza.

 

Montechiaro d'Asti.  E' sicuramente il fabbricato pi bello della linea, aperto su un tranquillo piazzale pedonale e perfettamente conservato. E' oggi sede di un ristorante.
Piemonte - che cosa  rimasto - Montechiaro d'Asti.

 

Montechiaro d'Asti.  
Piemonte - che cosa  rimasto - Montechiaro d'Asti.

 

Serravalle d'Asti.  Il classico viale alla stazione ha qui la particolarit di essere disposto in posizione obliqua rispetto al fabbricato viaggiatori. Anche in questa stazione stato aperto un ristorante.
Piemonte - che cosa  rimasto - Serravalle d'Asti.

 

Serravalle d'Asti.  Vista del piacevole ambiente interno del ristorante, ricavato anche attraverso la realizzazione di una veranda. La foto storica ritrae la 640.003 ad Alessandria prima del 1918 (quando venne introdotta l'attuale numerazione a 6 cifre).
Piemonte - che cosa  rimasto - Serravalle d'Asti.

 

Castagnole delle Lanze.  In questo impianto confluivano la Alessandria-Cavallermaggiore (di 96 km, di cui oggi sopravvivono solo i 30 km finali da Alba a Cavallermaggiore) e il pi breve tronco di collegamento da Asti (20 km). Intorno al 2010, i problemi strutturali a una galleria presso Alba hanno spezzato la linea in due. Una volta perso il naturale collegamento Alba-Asti, stato facile procedere alla chiusura di entrambe le linee da Castagnole per Asti e Alessandria (giugno 2012). Mentre l'erba cresce sui binari, si nota un secondo inutile cartello con il nome della stazione, installato tre settimane prima della chiusura.
Piemonte - che cosa  rimasto - Castagnole delle Lanze.

 

Viadotto di Costigliole d'Asti.  La linea Asti-Castagnole era diventata celebre negli anni '80 a causa di un faraonico viadotto, lungo 3700 m e completato nel 1988: non si era trovato infatti nulla di pi sobrio per evitare un tratto di versante franoso che aveva determinato l'interruzione della linea nel 1980. Tra l'altro, la tradizionale automotrice diretta Cuneo-Milano, tipica di questa linea, dopo la riapertura del 1988 verr ripristinata solo nella versione ridotta Asti-Milano, per poi scomparire definitivamente intorno al 1991. Dal 2012 nessun treno percorre pi il viadotto.
Piemonte - che cosa  rimasto - Viadotto di Costigliole d'Asti.

 

Cherasco.  La linea Bra-Ceva, sul percorso originale della Torino-Savona prima della realizzazione del moderno itinerario via Fossano (1932), stata chiusa a seguito dell'alluvione del 1994, che aveva fatto crollare un gran numero di ponti sul Tanaro. Effettivamente caratterizzata da un'utenza modesta, non stata pi ricostruita, e anzi in buona parte disarmata.

E' invece rimasto attivo il breve tratto Bra-Cherasco, utilizzato come raccordo merci e negli ultimi anni de-elettrificato. La stazione di Cherasco, di architettura tradizionale italiana, si presenta oggi in questo aspetto quasi fuori dal tempo, persino con un binario tronco che gira intorno agli alberi lato strada.

Piemonte - che cosa  rimasto - Cherasco.

 

Nucetto.  La Ceva-Ormea di 35 km, era stata elettrificata a trazione trifase nel 1938 e de-elettrificata nel 1973, all'epoca della conversione in corrente continua della (Torino-)Carmagnola-Savona. Da allora stata percorsa da automotrici, fino alla chiusura nel giugno 2012. La stazione di Nucetto stata restaurata pochi mesi prima della chiusura e ancora oggi riluce nel verde paesaggio dell'alta val Tanaro.
Piemonte - che cosa  rimasto - Nucetto.

 

Nucetto.  A fine 2011, per iniziativa locale, a Nucetto stato inaugurato un piccolo Museo della ferrovia Ceva-Ormea, aperto su richiesta e posto nei locali del magazzino merci. Due pali ricollocati sul binario del magazzino ricordano i tempi dell'elettrificazione trifase.
Piemonte - che cosa  rimasto - Nucetto.

 

Bagnasco.  Tradizionale cartello blu degli anni '80 nella successiva stazione della Ceva-Ormea. Il fabbricato al momento in stato di abbandono.
Piemonte - che cosa  rimasto - Bagnasco.

 

Foto 1-15/35  ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]