logo ELENCO DEI ROTABILI:
ETR.250 «Arlecchino»

Torna all'indice analitico

Elettrotreni
 ETR250.GIF
FS ETR 250 Arlecchino   
Un rotabile che non ha bisogno di presentazioni, essendo stato uno dei simboli delle FS degli anni Sessanta. I quattro Arlecchino furono costruiti nel 1960, giusto in tempo per le Olimpiadi di Roma; il loro aspetto strettamente derivato da quello dei Settebello, i primi elettrotreni di lusso costruiti dopo la guerra (1952): i due "Belvedere", da cui i viaggiatori godevano di una spettacolare vista sulla linea, rimangono un caso praticamente unico in Europa. Sebbene esternamente simile al Settebello, l'Arlecchino era un treno innovativo dal punto di vista tecnico: i carrelli, ad esempio, erano di progettazione interamente nuova e rappresentarono i primi carrelli realizzati dalle FS per treni ad alta velocit (fino a 180 km/h): le elettromotrici della famiglia delle ALe 601 usano gli stessi carrelli, ed essi furono in seguito montati anche sui Settebello e sugli ETR 220 ricostruiti.
Il nome "Arlecchino" derivato dal fatto che l'arredamento interno delle quattro carrozze era bastato su quattro differenti colori.
La storia recente dell'Arlecchino un po' meno bella da raccontare: al termine dei servizi regolari, sul finire degli anni '80, gli Arlecchino furono usati per servizi charter fin verso il 1995; in seguito, un'interpretazione quanto meno distorta della nuova politica di austerit delle FS, nella quale evidentemente la Storia non pu trovare posto, ha portato all'accantonamento della flotta charter e alla demolizione di tre Arlecchino e due Settebello (quelli che ancora avevano gli arredi originali!). L'esemplare rimasto al momento accantonato, in attesa di tempi migliori... o della demolizione.
Epoca 4  Sfondo trasparente
 
 Etr250_n.GIF
Nuovo!  FS ETR.250 Arlecchino (notturno)   

Epoca 4  Sfondo trasparente
 

[Tutti i disegni] / [All pictures / Alle Zge]

[Home page]