Foto 13-22/24  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

La A10 originale.

 Nuovo! Cerusa.  A confronto con l'architettura genovese...
La A10 originale. - Cerusa.

 

 Cerusa.  Due silhouette a confronto, sul far della sera: il medesimo viadotto Cerusa, ad arco parabolico, del 1956, e quello della carreggiata nord, aperta nel 1975, lungo 350 m.
La A10 originale. - Cerusa.

 

 Cerusa.  Lo stesso confronto, in una vista più di dettaglio.
La A10 originale. - Cerusa.

 

 Fontanette.  Poco oltre, il viadotto Fontanette, di 86 m, si confronta con il ponte della strada che sale alla frazione Crevari, in un luogo ancora una volta frammisto di ville suburbane e palazzine moderne.
La A10 originale. - Fontanette.

 

 Rumaro.  Nell'agosto 1957 si apre la seconda tratta, tra Arenzano e Varazze, anch'essa ricca di viadotti ad archi. Tra questi, spicca il viadotto Rumaro, di 131 m, realizzato a tecnica mista: ai lati dei tre archi parabolici, vi sono infatti due archi a tutto sesto, con rivestimento in pietra, ben evidenti in questa immagine.
La A10 originale. - Rumaro.

 

 Rumaro.  Un'altra vista dal lato monte, con la strada per la frazione Sciarborasca.
La A10 originale. - Rumaro.

 

 Mola.  Viadotto all'estremità di levante di Varazze, presso l'omonima punta. Lungo 201 m, a due arcate paraboliche, è stato inaugurato nell'agosto 1958 con l'apertura della tratta Varazze-Celle.
La A10 originale. - Mola.

 

Altre autostrade più recenti.

 Gorsexio.  Il viadotto più importante della A26, che scende lungo la valle del Leira, è quello che passa dal versante sinistro al destro, per permettere poi all'autostrada di compiere il lungo "tornante" di discesa verso il mare. Inaugurato nel 1977 e lungo 674 m, presenta una struttura indubbiamente più massiccia delle realizzazioni dei due decenni precedenti, anche a motivo dell'elevata altezza sul fondovalle.
Altre autostrade più recenti. - Gorsexio.

 

 Gorsexio.  La vista dal basso fa cogliere la struttura dei piloni, unici alla base per le due carreggiate e poi separati verso l'alto (le due carreggiate, ciascuna a tre corsie, sono visibilmente indipendenti). Il confronto tra questa semplicità massiccia e la trama esile e complessa delle campate del Polcevera o degli archi parabolici degli anni '50 mostra in maniera eloquente la variazione della tecnica costruttiva, il passaggio a un disegno in qualche modo più rozzo.
Altre autostrade più recenti. - Gorsexio.

 

 Cadibona.  Buffo e interessante affollamento di viadotti: i due più alti, con tecnica costruttiva "a castello", sono quelli del percorso elicoidale del 1960 (l'unica rampa elicoidale delle autostrade italiane, se si esclude quella di Genova Est, presente però sullo svincolo, non sull'autostrada vera e propria). Il viadotto più basso, con tecnica costruttiva "a diapason", è invece quello del raddoppio Savona-Altare, attivato nel 1976.
Altre autostrade più recenti. - Cadibona.

 

Foto 13-22/24  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]   [Articolo principale / Main Page: RIVIERA LIGURE]

[Home page]