Foto 16-30/65  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Sulmona 2017: l'appennino e la littorina

Cansano.  A questo punto ritengo più opportuno fare un salto al pronto soccorso di Sulmona per sincerarmi che la caduta di ieri non abbia fatto danni. Nel mentre il mio socio prosegue per Cansano, dove attende il vapore nell'inquadratura più classica.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Cansano.

 

Rivisondoli.  Al termine della rampa, la 940 sosta a Rivisondoli.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Rivisondoli.

 

Roccaraso.  Arrivata a Roccaraso, la 940 manovra quattro carri merci che erano stati portati lì tre giorni prima e che ora torneranno a Sulmona insieme alle carrozze. Si offre così al fotografo la scena singolare di una autentica manovra a vapore.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Roccaraso.

 

Pettorano sul Gizio.  Nel frattempo in un paio d'ore mi sbrigo al pronto soccorso, appurando che non c'è nulla di rotto. Faccio in tempo a fare la spesa per la cena nel vicino Conad e per le 13 in punto sono a Pettorano, in perfetto orario per le automotrici. Ieri la 1452 ha avuto qualche problema di surriscaldamento, e quindi oggi e domani viaggiano solo l'ALn 556 e l'ALn 668.1401: una composizione ancora più realistica e attraente, che tra l'altro è stata documentata da una foto di Roberto Cocchi dell'agosto 1971, proprio qui a Pettorano e proprio con l'ALn 668 serie 1400 nella colorazione d'origine in verde lichene!
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Pettorano sul Gizio.

 

Pettorano sul Gizio.  Il treno riparte da Pettorano, affrontando i 12 km di rampa fino a Cansano.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Pettorano sul Gizio.

 

Palena.  Le automotrici fanno il giro da Cansano e Campo di Giove e noi le attendiamo all'uscita della galleria di Palena, dove torna a essere in luce giusta l'ALn 556. Nonostante l'inizio di giornata nuvoloso, splende ormai un sereno deciso.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Palena.

 

Palena.  L'inquadratura successiva è poco oltre. La stazione si intravede dietro il gruppo di alberi di sinistra.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Palena.

 

Rivisondoli.  Appena partite dalla stazione, le automotrici stanno per entrare nella galleria che conduce alla piana di Roccaraso.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Rivisondoli.

 

Roccaraso.  Per fotografare la partenza da Roccaraso in realtà non sapevamo bene dove andare, ma girando tra le strade del paese, scopriamo per puro caso un belvedere che guarda proprio al viadotto ferroviario! Castel di Sangro, al termine della discesa, si trova nella conca tra il primo e il secondo crinale.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Roccaraso.

 

Palena.  Anziché ridiscendere fino a Castel di Sangro, conviene restare al Quarto Santa Chiara, perché prima del ritorno delle automotrici sono previsti altri due transiti. Il primo è il "misto" viaggiatori e merci, con la 940 che ritorna a Sulmona insieme alle tre carrozze a terrazzini e ai quattro carri merci.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Palena.

 

Palena.  La domenica il treno diesel con la D.445.1145 (Officine Meccaniche Casertane, 1987) ha effettuato servizio viaggiatori Isernia-Roccaraso, ma nel corso della giornata è stato ricoverato a Sulmona. Alle 17.30 deve dunque tornare vuoto a Roccaraso a caricare i passeggeri per Isernia. Lo attendiamo poco oltre la stazione di Palena, assistendo anche a un singolare fenomeno meteo, che ricorda forse il gaigo ligure: in mezzo al cielo completamente sereno, una massa nuvolosa è arrivata dalla valle laterale (quella che porta al paese di Palena), scorrendo a velocità ben percepibile all'interno della valle, e, giunta alla piana, si è espansa verso l'alto, consigliando di aprire l'inquadratura per comprenderla interamente.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Palena.

 

Rivisondoli.  Sono le 18.15, il sole sta per scendere dietro il profilo della collina di Rivisondoli, ma finalmente si sente in lontananza il fischio delle automotrici e il rumore dei motori. Pochi istanti prima dell'ombra, riusciamo a fotografarle nel rettifilo verso Palena!
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Rivisondoli.

 

Pettorano sul Gizio.  Anche questa sera possiamo tornare con calma a casa a Pettorano. Ma prima facciamo una puntata nella stazione, ormai silente, osservando le colonne idrauliche - una fresca di restauro e funzionante, marcata RA, cioè Rete Adriatica, e l'altra di tipo FS, non ancora restaurata - e il serbatoio dell'acqua. La porta dell'edificio del serbatoio è aperta: all'interno si sente lo sgocciolio dell'acqua, i tubi sono ricoperti di paglia come isolante, e nell'angolo c'è un camino: accendendo il fuoco, era possibile soffiare aria calda nell'intercapedine tra la muratura e il serbatoio, evitando il rischio di congelare l'acqua. Nel fresco della sera che si è fatta, non si fa fatica a immaginare le difficoltà e le tecniche per fronteggiare il rigido clima invernale.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Pettorano sul Gizio.

 

Sulmona.  Lunedì mattina facciamo un salto alla stazione di Sulmona. Le due ALn 668 riposano nel deposito, permettendo di fotografare un quadretto d'altri tempi.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Sulmona.

 

Sulmona.  Nella piazza della stazione è conservata come monumento la locomotiva da manovra 835.092 (Breda, 1908). Da qui proseguiamo poi per una giornata "turistica" a L'Aquila.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Sulmona.

 

Foto 16-30/65  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]