Foto 1-10/65  ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Sulmona 2017: l'appennino e la littorina

Sulmona Introdacqua.  La nostra gita comincia a Sulmona Introdacqua, la stazione secondaria della città - ma più vicina al centro storico - servita solo dalla linea per Carpinone e Isernia (e dunque oggi priva di servizio regolare). Sono le 12.50 e siamo arrivati qui, con comodità e tempismo, partendo da Milano con l'italo delle 7.15 e noleggiando un'auto a Roma Tiburtina. Per strada abbiamo incontrato ogni possibile meteo, dal cupo della pianura al diluvio di Arezzo, dal pallido sole di Roma, fino nuovamente alla pioggia di Avezzano. Ancora mentre entriamo in stazione il cielo è coperto, ma quando arriva il treno si apre in un inequivocabile sole: è la prima fortuna di queste giornate. La 940 a vapore e la D.445 con le Centoporte sono partite in mattinata: ora è la volta della Littorina: l'ALn 556.2331 (Breda, 1940), insieme con le due ALn 668 Fiat: la 1401 (1956) e la 1452 (1959).
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Sulmona Introdacqua.

 

Cansano.  Mentre le automotrici risalgono la valle del Gizio passando da Pettorano, noi le precediamo a Cansano, attendendole al viadotto in ingresso della stazione. Il paese è più in basso, sulla sinistra, mentre in alto a destra si staglia l'inconfondibile profilo della Maiella, il massiccio più rilevante dell'Abruzzo meridionale. Il gioco delle infinite curve della linea permette ora di avere in luce le ALn 668.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Cansano.

 

Cansano.  Alla partenza del treno il veloce mutare delle nuvole continua ad assistere i fotografi, con la ferrovia al sole e il versante scuro della Maiella per sfondo.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Cansano.

 

Campo di Giove.  La ferrovia prosegue a salire con pendenza costante del 28 per mille: dai 348 m di quota di Sulmona, siamo già passati ai 948 di Cansano e ora ai 1069 di Campo di Giove. Le automotrici, appena arrivate, devono attendere l'incrocio con la 940 di ritorno da Roccaraso. L'edificio in primo piano è il serbatoio dell'acqua, un tempo necessaria per alimentare le locomotive a vapore: in tutte le stazioni della linea la cisterna è racchiusa in un corpo in muratura, per proteggerla meglio dai rigori dell'inverno.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Campo di Giove.

 

Campo di Giove.  Arriva la 940, naturalmente orientata a ritroso, e ne fotografo il duomo sullo sfondo della Maiella. A questo scatto, accosto l'immagine della 940 che l'indomani sosta a Roccaraso e poi riparte da Palena, osservata da decine di persone. Proprio a Palena, alcuni signori mi chiedono quali altri treni passeranno di lì: rispondo che mancano ancora il diesel e le littorine, ma non sono convinti; dicono "ma quest'altra, quando torna?" e mi mostrano sul cellulare la foto della 940 dal lato del camino. Ho faticato non poco a convincerli che era proprio quella appena partita, ma girata al contrario. E insistevano "guardi che si confonde". Be', ma anche no... :)
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Campo di Giove.

 

Campo di Giove.  Primo piano dell'ALn 668.1452 con l'edificio del serbatoio idrico.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Campo di Giove.

 

Campo di Giove.  Effettuato l'incrocio, le automotrici ripartono dalla linda stazione, imbandierata per l'occasione, mentre il cielo si è fatto più sereno.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Campo di Giove.

 

Campo di Giove.  Pochi istanti dopo, il mio socio inquadra il treno sugli scambi d'uscita, tra gli abeti di questa località dallle sembianze alpine. L'edificio a sinistra è il Grand Hotel Zeus, oggi chiuso.
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Campo di Giove.

 

Palena.  Percorriamo la deserta strada del valico della Forchetta, fermandoci anche a lasciar passare un gregge che l'attraversa, e arriviamo a Palena di nuovo nel rapido rincorrersi delle nuvole. Siamo ormai a quota 1257, tra i prati del Quarto S.Chiara (il paese di Palena è 10 km più a nord).
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Palena.

 

Palena.  Anche la partenza del treno è miracolata dal sole: un istante dopo, sarà tutta ombra!
Sulmona 2017: l'appennino e la littorina - Palena.

 

Foto 1-10/65  ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]