Foto 16-30/35  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Il mondo di Ormea

 Trappa, Garessio.  A Trappa meritano anche i dettagli: l'iscrizione tradizionale in terracotta blu e quella ben pi¨ antica in ferro smaltato su fusione metallica. Ad essi accosto uno sguardo alla ex sottostazione di Garessio, con lampioncino vintage, che ho fotografato al mattino.
Il mondo di Ormea - Trappa, Garessio.

 

 Eca-Nasag˛.  Per il ritorno zizzago un po' in zona Eca ma alla fine mi convinco che l'inquadratura migliore Ŕ con il Tanaro e la torre dei Saraceni, fatta presso il sottopasso della statale, lato Eca. E' quasi superfluo dire che con 9 corse al giorno e muovendosi in bici, ogni foto Ŕ un'occasione unica e di fatto irripetibile, non ci si pu˛ permettere di sbagliare. Da un lato questo fa un po' di apprensione, dall'altro credo moltiplichi la soddisfazione.
Il mondo di Ormea - Eca-Nasag˛.

 

 Bagnasco.  Bisogna attendere il pomeriggio inoltrato per rivedere un treno: ridiscendo con calma la valle, fino a Bagnasco, dove lo aspetto in un angolo piacevolmente agreste, a fianco della caratteristica roccia di conglomerato.

Dopo questa foto, il meteo si vela progressivamente; attendo i successivi treni e poi raggiungo Mondový, dove pernotter˛ a Piazza.

Il mondo di Ormea - Bagnasco.

 

 Nucetto.  L'indomani ritorno a Ceva in treno alla ricerca di un buon punto e da qui, pedala pedala, mi ritrovo in stazione a Nucetto. Impossibile trascurare il bellissimo fabbricato fresco di restauro, con sulla destra il palo trifase del museo. L'automotrice Ŕ quella della corsa discendente che chiude il servizio mattutino.

Concluder˛ poi la mia gita viaggiando sulla Cuneo-Mondový, un'altra delle linee condannate alla soppressione.

Il mondo di Ormea - Nucetto.

 

Garessio.  A fine maggio la chiusura delle linee piemontesi di lý a un paio di settimane Ŕ ormai certa: Ŕ assolutamente necessario tornare a fotografare la Ceva-Ormea. Il 25 maggio, dopo una giornata di lavoro a Torino, pernotto a Ceva e mi dedico alle corse del mattino a Nucetto. Pochi giorni pi¨ tardi, il 29, Ŕ di nuovo gita: la corsa prescelta Ŕ sempre quella del mezzogiorno; a Nucetto una nuvola dispettosa guasta la foto, cosý il primo passaggio buono Ŕ quello accanto alla chiesetta all'ingresso di Garessio.
Il mondo di Ormea - Garessio.

 

Ormea.  L'ALn 663 entra nella stazione capolinea accanto al magazzino merci. Il fornice di destra rivela chiaramente che in origine era dotato di binario passante, per movimentare le merci al coperto.
Il mondo di Ormea - Ormea.

 

Eca-Nasag˛.  Al ritorno, non mi perdo il minuscolo fabbricato di Eca, nel cuore pi¨ boscoso della val Tanaro. Proprio qui avevo atteso l'ALn 663 nella mia prima gita invernale a Ormea, quasi vent'anni prima.
Il mondo di Ormea - Eca-Nasag˛.

 

Pievetta.  La valle diventa decisamente pi¨ ampia e collinare proseguendo verso nord, tra prati fioriti appena oltre la fermata di Pievetta.
Il mondo di Ormea - Pievetta.

 

 Ormea.  Il tempo volge al termine: il 12 giugno un nuovo appuntamento a Torino si traduce in un pomeriggio a Nucetto; poi il meteo vira rapidamente e, nel tempo di arrivare a Bagnasco, diluvia, cosý scelgo di fare il mio ultimo viaggio sulla linea con l'ultima coppia del giorno: Bagnasco-Ormea-Ceva. Dico al capotreno che devo fare il biglietto, sembra titubante, alla fine mi fa lo sconto: dice che per il ritorno fare un Garessio-Ceva Ŕ pi¨ che sufficiente.

A Ormea, passato il temporale, nel fresco umido della sera, mi accoglie una luce singolare e densa, che riempie il bosco vicino. Sono le 19.30, riparto per l'ultima volta sull'ALn 663 e in tarda notte sar˛ a Milano.

Il mondo di Ormea - Ormea.

 

Bagnasco.  Siamo arrivati all'ultimo giorno, sabato 16 giugno 2012. In realtÓ ormai da settimane, Ŕ stata adottata la tecnica delle soppressioni casuali: su tutte le linee destinate alla chiusura, i treni vengono soppressi a caso, in modo da scoraggiare l'utenza residua. Solo consultando il Viaggiatreno al mattino si pu˛ sapere che cosa circolerÓ e che cosa no, e tutte le precedenti gite hanno fatto lo "slalom" tra giornate in cui magari metÓ del servizio era soppresso. L'ultimo giorno non fa eccezione: le corse del mattino non ci sono; cosý posso prendermela comoda, partendo da Milano, per essere in valle per la corsa del mezzogiorno.

La prima foto Ŕ in stazione a Bagnasco, con una vegetazione lussureggiante che ha ormai riempito anche lo spazio un tempo occupato dal binario di incrocio.

Il mondo di Ormea - Bagnasco.

 

Nucetto.  All'avanzare delle ore la luce si fa pi¨ calda e attraente, quando, ormai nel cuore del pomeriggio, l'automotrice risale nuovamente la valle.
Il mondo di Ormea - Nucetto.

 

Trappa.  Il fabbricato bianco ancora ben conservato, il prato intorno al binario, gli alberi vicini e le robuste montagne che chiudono il panorama: Trappa Ŕ un luogo in cui si sta bene, in pace, anche se la sosta dell'ALn 663 dura solo pochi attimi. La Tipomobile sulla sinistra si trova lÓ dove, oltre il cancello, passava il binario per il piano caricatore di cui abbiamo parlato prima (che si estendeva alle spalle del fabbricato).
Il mondo di Ormea - Trappa.

 

Eca-Nasag˛.  La ALn 663.1200 tutta lustra effettua la penultima coppia, nello spettacolare scenario della Torre dei Saraceni, poco a sud di Eca. Stavolta, al posto della bici, Ŕ sempre la Tipomobile a riposarsi sullo sfondo!
Il mondo di Ormea - Eca-Nasag˛.

 

Garessio.  Poco pi¨ a nord, con la luce della sera ormai girata, l'automotrice passa accanto alla celebre chiesetta.
Il mondo di Ormea - Garessio.

 

Eca-Nasag˛.  Siamo arrivati all'ultima corsa in servizio regolare, di ritorno da Ormea a Ceva. La ALn 663 ha lasciato Ormea per l'ultima volta; sono passate le 19.30 e la valle Ŕ ormai in ombra, ma lo sfondo Ŕ ancora al sole. Situazione non canonica, e nemmeno facile da cogliere, ma forse ogni tanto ne vale la pena, come in questo caso decisamente particolare; tra l'altro la foto Ŕ esattamente come uscita dalla macchina (Canon A720), senza bisogno di alcuna doppia esposizione.

Ancora una volta ho pernottato a Ormea; l'indomani, domenica mattina, ho proseguito per il mare, attraverso il colle di Nava, dedicandomi alla costa di Cervo e rincasando poi a Milano la sera.

Il mondo di Ormea - Eca-Nasag˛.

 

Foto 16-30/35  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]   [Articolo principale / Main Page: AUTOMOTRICI]

[Home page]