Foto 14/15  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (10 foto)
Skylab.  Le missioni spaziali successive all'Apollo 17 rimasero confinate all'orbita terrestre. Lo Space Shuttle, la navetta "riutilizzabile" (per distinguerla da tutte quelle "a perdere" che l'avevano preceduta) avrebbe cominciato a volare solo nel 1981, mentre nel decennio precedente vennero ancora utilizzati razzi tradizionali, ad esempio per mettere in orbita lo Skylab, primo esempio statunitense di stazione spaziale orbitante, antenata dell'attuale ISS.
Lo Skylab venne lanciato nel 1973 e fu "abitato" durante tre missioni, tra il 1973 e il 1974, rispettivamente per 28, 59 e 84 giorni, permettendo importanti studi sulla sopravvivenza a lungo termine in assenza di gravità (ricordiamo che le missioni Apollo non erano mai durate più di una dozzina di giorni). Successivamente venne "parcheggiato" in orbita per possibili usi futuri, ma precipitò infine nel 1979.
Nell'immagine, lo Skylab sorvola il bacino del Rio delle Amazzoni, durante la missione Skylab 3 (cioè la seconda delle tre con equipaggio). La navicella orbitava ad una quota di circa 435 km.
Fotografie 1965-1973 - Skylab.

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]