Foto 34-35/35  << Pag. precedente   ^ Indice ^      (foto singola)

Centro e sud

Ferrovia Sangritana.  Della ferrovia sangritana si è già dovuto scrivere molto, purtroppo, perché l'abbandono di quasi 100 km di rete è stato progressivo e relativamente recente, oltre che pieno di lati ambigui (tutti i dettagli). Qui ricordiamo con una cartolina della stazione di Lanciano questa estesa rete, nata a scartamento 950 mm nel 1912-15, elettrificata negli anni '20, ai primordi della trazione elettrica a corrente continua, e infine ricostruita nel dopoguerra a scartamento ordinario (Wikipedia). In stazione sono in sosta una rimorchiata, due elettromotrici Stanga-Tibb del 1959 (serie ALe 1-11) e una locomotiva elettrica TIBB del 1924 (serie 21-34 a carrelli).
Centro e sud - Ferrovia Sangritana.

 

Ferrovia Sangritana.  I tornanti e l'elicoidale di San Vito Chietino erano uno dei punti più celebri della linea, una specie di "oasi svizzera" in riva all'Adriatico. Due elettromotrici Stanga-Tibb stanno percorrendo il viadotto, mentre sullo sfondo si vede la stazione FS di San Vito-Lanciano con il bivio tra la ferrovia adriatica (lungo la costa) e la linea sangritana (che piega a sinistra verso l'interno). La tratta originale San Vito-Lanciano è stata chiusa a fine 2006 e nel 2008 ha aperto la nuova linea diretta, che risale a Lanciano senza passare più dal centro di San Vito e che oggi rappresenta l'unica tratta in servizio dell'intera rete sangritana (più dettagli e mappa della zona di San Vito).
Centro e sud - Ferrovia Sangritana.

 

Foto 34-35/35  << Pag. precedente   ^ Indice ^   

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]