Foto 2/36  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (10 foto)
Nuovo! Omnibus piemontese.  A seguito dell'UnitÓ d'Italia, il nuovo governo si pose l'obiettivo di unificare e razionalizzare il trasporto ferroviario, gestito precedentemente da una miriade di SocietÓ, sia pubbliche, sia private. Nell'ambito di questo progetto nacque nel 1865 la societÓ SFAI (Strade Ferrate dell'Alta Italia), la quale eredit˛ circa 1400 km di linee nel Nord e una gran quantitÓ di materiale rotabile estremamente eterogeneo.

Fu Cavour ad aver incoraggiato lo sviluppo di un'industria ferroviaria italiana, assegnando all'Ansaldo il ruolo di costruttore di locomotive. La fabbrica genovese inizi˛ la sua avventura in campo ferroviario producendo nel 1854 la "Sampierdarena", una macchina di rodiggio B1 a cilindri interni che, pur risentendo di influssi britannici, era stata progettata interamente in Italia. A questo prototipo seguirono altre 30 macchine uguali, suddivise tra le Ferrovie dello Stato Piemontese e la Ferrovia Alessandria-Stradella, che nel '65 passarono tutte alla SFAI. Per inciso, 10 locomotive simili vennero fornite dall'Ansaldo anche alle societÓ Vittorio Emanuele per le Strade Ferrate Calabro-Sicule. A partire dal 1876, sulle sue macchine la SFAI inizi˛ a introdurre una serie di modifiche, fra le quali l'installazione della cabina chiusa (in precedenza i macchinisti erano protetti dalle intemperie solo da un rudimentale paravento).

Questo dipinto, ambientato attorno al 1880, ritrae una di queste macchine giÓ trasformate, la 211 "Novara" (Ansaldo, 1855; foto), impegnata con un omnibus piemontese dalla composizione piuttosto eterogenea: in particolare spicca la vettura a due piani, appartenente a un lotto di 11 costruite a Parigi dalla ditta Chevalier & Cheilius negli anni 1869-72, simili a quelle giÓ in servizio nella capitale francese. ╚ curioso osservare che sarebbe trascorso un secolo prima che altre vetture a due piani venissero messe in servizio sui binari italiani, e anche in questo caso si tratterÓ di un modello copiato dalla banlieue parigina.

Nel 1885, anno del suo scioglimento, la SFAI disponeva di un parco di ben 976 locomotive, molte per˛ obsolete o inutilizzabili. Le B1 Ansaldo passarono alla Rete Mediterranea, numerate 2733-2773, e le 25 ancora esistenti nel 1905 (16 ex SFAI e 9 ex Vittorio Emanuele) vennero immatricolate nelle Ferrovie dello Stato nel gruppo 113. La nostra 211 per˛ non fu tra queste, essendo stata ritirata dal servizio prima del 1902.

Quadri di Francesco Dall'Armi - Omnibus piemontese.

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]