Foto 10-11/11  ^ Indice ^      (foto singola)

Guida rapida 1958-60

25 Roma-Fano (Via Flaminia).  
╚ la via Flaminia, importantissima strada di comunicazione tra Roma e il medio Adriatico, che segue press'a poco il percorso dell'antica via romana. Lasciati Roma e il Tevere, la strada sale ondulando attraverso una solitaria campagna. Lungo il percorso in pi¨ punti affiora il basolato dell'antica via Flaminia. Domina imponente la groppa del M. Soratte. In vista di Civita Castellana, inizia la discesa verso l'ampia valle del Tevere che si attraversa per salire vivamente sul versante opposto. Bella appare Narni a picco sulla gola del Nera.

Si scende nella verde piana in fondo alla quale sta Terni. Da Terni si sale al boscoso passo della Somma, che immette nella ridente piana di Spoleto; bel colpo d'occhio sulla cittÓ contro lo sfondo del Monteluco. Correndo lungo il margine della splendida pianura si rasentano le poetiche Fonti del Clitunno; poco dopo appare Foligno.

La strada penetra ora sinuosa nella valle del Topino, passando poi nel bel piano di Gualdo, e dopo Fossato di Vico sale alta sulla valle del Chiascio fino al valico della Scheggia. Discesa nella stretta valle del Burano e poi in quella del Candigliano, che si stringe all'improvviso tra le alte pareti della gola del Furlo, a picco sulle acque di un laghetto artificiale. Attraversata la breve galleria, fatta scavare da Vespasiano nel 76 d.C., si apre l'ampia valle del Metauro, che si discende fino a Fano.

Guida rapida 1958-60 - 25 Roma-Fano (Via Flaminia).

 

28 Roma-S. Benedetto del Tronto (Via Salaria).  
╚ la via Salaria, antica e importante strada di comunicazione tra Roma e il medio Adriatico, di notevole interesse paesaggistico specie nel tratto mediano. Da Roma a Passo Corese corre lungo l'ampia valle del Tevere; attraversa poi con percorso ondulato e tortuoso i verdi colli della Sabina e un ampio altopiano, giÓ in vista dei monti Reatini tra i quali spicca la piramide del Terminillo, e scende infine a risvolte verso la valletta del Turano che sbocca nella conca di Rieti in faccia alla cittÓ.

Dopo Rieti la strada si alza a dominare la bella valle del Velino e percorre il verde piano di S. Vittorino, ricco di acque sorgive. Ad Antrodoco s'interna nella lunga e tortuosa gola del Velino, tra rupi a strapiombo di selvaggia bellezza, superando infine il crinale appenninico al colle della Serra, donde si ha un'ampia e maestosa vista sui monti della Laga.

Discesi alla valle del Tronto, se ne segue ora il tortuoso e solitario percorso, serpeggiando a lungo stretti tra le aspre pendici e il fiume incassato, specie nella gola di Acquasanta, scavata tra imponenti rocce stratificate. Appare infine Ascoli con le sue torri nel mezzo di una verde conca. La valle si allarga tra poggi ad olivi e si anima di colture e abitati; la strada corre al suo margine al piede dei colli, raggiungendo al mare la strada Adriatica a pochi chilometri dal centro balneare e peschereccio di S. Benedetto del Tronto.

Guida rapida 1958-60 - 28 Roma-S. Benedetto del Tronto (Via Salaria).

 

Foto 10-11/11  ^ Indice ^   

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]