Apri la mappa ad alta risoluzione / Open full size map
NUOVO! Apri lo zoom interattivo / NEW! Open pan-zoom
La rete a scartamento ridotto della Sardegna è sempre stata tra le più significative d'Italia, tanto per estensione quanto per interesse ambientale dei luoghi attraversati, ed erano suddivise tra Ferrovie Meridionali Sarde e Ferrovie Complementari della Sardegna, dal 1933 Strade Ferrate Sarde. Anche se varie diramazioni sono oggi chiuse (quelle di Ales, Jerzu, Villacidro, la rete verso l'Isola di S.Antioco, la Luras-Monti e la Tirso-Chilivani), gli assi maggiori sono ancora attivi (mappa dalla Wikipedia con la situazione attuale). La gestione è oggi riunita sotto l'azienda regionale ARST ma la loro sopravvivenza resta comunque legata alle vicende del Trenino verde, cioè del servizio turistico che è rimasto l'unico presente su molte linee, ormai prive di traffico regolare.

A Cagliari sono indicate le due tranvie interurbane per il Poetto e per Quartu Sant'Elena (anche se stranamente non è indicata la loro elettrificazione, che ci pare fosse già avvenuta). Le linee sono state entrambe soppresse, ma quantomeno su Quartu Sant'Elena oggi abbiamo i filobus.


Torna alla gallery "Ferrovie concesse e tramvie estraurbane, 1936"   [Indice della sezione / This Section]

[Home page]