Foto 1-15/45  ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Ferry Boat!

 Nave "Messina".  Per questo viaggio, per cambiare un po', scelgo un trasferimento tutto diurno: arrivo dunque a Catania con il 727, il secondo Intercity Roma-Sicilia, di modo che la traversata Ŕ poco oltre le 18, in bella luce serale. La nave Ŕ la nuova "Messina", del 2013 (Wikipedia) e devo dire che l'impressione Ŕ ottima: estremamente silenziosa - non si sente affatto il classico sottofondo del motore diesel! - e ancora molto pulita, veramente linda. Ecco le carrozze Z dell'Intercity che riposano nel... ventre della balena!
Ferry Boat! - Nave

 

 Nuovo! Nave "Messina".  Le 7 carrozze dell'Intercity, scomposte in 4+3, lasciano ampio spazio vuoto, mentre i binari dipingono il pavimento di strisce gialle.
Ferry Boat! - Nave

 

 Nave "Messina".  Ulteriore, fondamentale novitÓ della Messina Ŕ il fatto che il piano binari non Ŕ in un ponte chiuso, come per la Villa e gli altri ferry della generazione precedente, ma Ŕ scoperto per un buon terzo dell'estensione, permettendo di fotografare le carrozze a cielo aperto, qui sullo sfondo della costa calabra al tramonto.
Ferry Boat! - Nave

 

 Nave "Messina".  Mentre la nave attracca a Messina, realizzo che l'Intercity ha gli intercomunicanti pienamente accessibili (diversamente dai notturni, dove le carrozze letto sono di norma chiuse): dall'estremitÓ del treno lato uscita, fotografo la D.145 che viene a prenderci. Come di consueto, lo "scudo" che entra nel ferry Ŕ formato da due carri pianali e da una carrozza Tipo X: eccola in procinto di impegnare il caratteristico scambio triplo, con gli aghi a terra e i cuori sulla nave (il successivo scambio che immette al quarto binario Ŕ tutto sulla nave).
Ferry Boat! - Nave

 

 Nave "Messina".  La D.145 estrae la prima sezione di quattro carrozze e intanto io passo alla sua estremitÓ opposta: ora il treno retrocede nella nave e va ad agganciare la seconda sezione, di tre carrozze. Un Intercity di sole 7 carrozze (4 per Palermo e 3 per Siracusa) Ŕ ben poca cosa per il ferry, che ne ospiterebbe anche 15, nei suoi quattro binari.

Le due sezioni vengono dapprima portate su un unico binario di Messina Centrale, poi la stessa D.145 manovra la sezione per Palermo sul binario accanto. Infine le due E.656, in veritÓ esteticamente alquanto malmesse, si agganciano ai loro treni. Alle 21.30, puntuale, scendo a Catania. Ero partito da Milano con l'Italo delle 7.35, per un viaggio interamente di giorno che ancora mancava alla mia esperienza!

Ferry Boat! - Nave

 

Le RALn sulla Circumetnea

Bronte.  L'indomani, di buon ora, parto da Catania Borgo diretto a Bronte, dove i soci in auto mi raccattano. Sul treno delle 6.40 ho l'occasione di provare in viaggio il nuovo Vulcano della polacca Newag, dagli interni semplici e razionali, anche se mi sconcerta un po' il fatto che un mezzo del 2015 abbia tutto il pavimento alto, con tre bei gradini per salirvi.

La prima foto in linea Ŕ nel punto pi¨ classico delel sciare alla periferia di Bronte: arriva la ADe 18 nei nuovi colori, forse un po' troppo contrastati rispetto a quelli classici.

Le RALn sulla Circumetnea - Bronte.

 

Maletto.  E' invece un Vulcano che mi attende al classico viadotto di Maletto. Non Ŕ certo un gioiello di design, ma la colorazione mi pare sufficientemente allegra per non sfigurare.
Le RALn sulla Circumetnea - Maletto.

 

Maletto.  Girandosi dall'altro lato, paesaggio bucolico in quello che Ŕ praticamente l'unico terreno non vulcanico attraversato dalla linea.
Le RALn sulla Circumetnea - Maletto.

 

Maletto.  Tutt'altro stile Ŕ per l'incrociante, la bellissima ADe 20, protagonista tra l'altro del nostro treno fotografico del 2015. Non passa inosservato il contesto di nuvole in vorticoso transito. Tenendo conto che il treno aveva un quarto d'ora di ritardo, e nel mentre il cielo era cambiato innumerevoli volte, si pu˛ immaginare la pace zen ormai raggiunta dal fotografo nell'attesa!
Le RALn sulla Circumetnea - Maletto.

 

Maletto.  Passato il ponte, lo sguardo si apre su tutta la vallata in direzione di Maletto.
Le RALn sulla Circumetnea - Maletto.

 

Calderara.  Visto che lato Bronte le nuvole sembravano prevalere, si opta per il ramo Randazzo-Riposto, dove i treni sono pochi, ma Ŕ fortunatamente il regno quasi esclusivo delle RALn 64, giÓ RALn 60 delle linee FS a scartamento ridotto, probabilmente le automotrici dall'origine pi¨ antica ancora in servizio regolare in Italia. La prima RALn transita sullo sfondo dei monti di lÓ della valle dell'Alcantara, che trovo assai affascinanti.
Le RALn sulla Circumetnea - Calderara.

 

Piedimonte Etneo.  Attendo la seconda RALn nella linda stazione di Piedimonte Etneo: un nome che Ŕ tutto descrittivo della geografia dei luoghi. Nella mezzoretta di attesa, il cielo, da grigio che era, si riapre in un insperato sole.
Le RALn sulla Circumetnea - Piedimonte Etneo.

 

Nuovo! Piedimonte Etneo.  
Le RALn sulla Circumetnea - Piedimonte Etneo.

 

Calderara.  Con un agile inseguimento in auto, la stessa RALn Ŕ raggiunta presso uno dei classici grandi casali che punteggiano il versante dell'Etna.
Le RALn sulla Circumetnea - Calderara.

 

Randazzo.  Altro punto caratteristico, alla periferia orientale di Randazzo, Ŕ la colata di lava del 1981, l'ultima che ha interessato la ferrovia, che Ŕ stata ricostruita una volta raffreddatasi la lava!
Le RALn sulla Circumetnea - Randazzo.

 

Foto 1-15/45  ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]