Foto 20-29/35  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Le reti nizzarde

Menton-Sospel.  Il capolinea, con tanto di Hotel de la Gare.
Le reti nizzarde - Menton-Sospel.

 

Menton-Sospel.  Una delle caratteristiche dei tram nizzardi, legata alla loro costruzione al principio del '900, è l'utilizzo di manufatti in cemento armato, anziché nella muratura tradizionale delle opere ferroviarie classiche. Il viadotto di Monti, nella parte bassa della linea e ancor oggi esistente, è un tipico esempio delle esili strutture ad arco parabolico allora in uso.
Le reti nizzarde - Menton-Sospel.

 

Sospel.  L'apertura della ferrovia Nizza-Breil (1928) metteva per la prima volta in comunicazione diretta Sospel con Nizza, senza passare per i 650 m di dislivello e i 20 km di aspri tornanti del Col de Braus. La ferrovia causò una rapida perdita di importanza del tram per Menton, che venne infatti soppresso nel 1931. La stazione di Sospel, nel classico stile PLM, è ancor oggi sostanzialmente identica.
Le reti nizzarde - Sospel.

 

St-Martin-Vésubie.  Sulle altre linee tranviarie la documentazione fotografica sembra assai più scarsa. Propongo due scatti della linea TAM che, staccandosi dalla Nizza-Digne a Plan-du-Var, risaliva la valle del Vésubie per circa 35 km fino a St-Martin, a 955 m di quota. La linea è stata aperta nel 1912 e chiusa nel 1931.
Le reti nizzarde - St-Martin-Vésubie.

 

St-Martin-Vésubie.  La maggior parte delle linee TAM andavano a confluire in stazioni intermedie della Nizza-Digne. Di conseguenza, come ulteriore singolarità delle ferrovie nizzarde, la tratta da Plan-du-Var a La Mescla della Nizza-Digne venne appositamente elettrificata per garantire la circolazione dei tram. Il servizio viaggiatori regolare TAM si svolgeva tra La Mescla e La Tinée (capolinea del ramo di St-Sauveur), mentre la restante tratta fino a Pont-Charles-Albert (ramo di Roquesteron) era usata per lo scambio dei tram da una linea all'altra.
Le reti nizzarde - St-Martin-Vésubie.

 

La Turbie.  Ultima linea che documento in questa breve rassegna è la ferrovia che da Monte Carlo saliva a La Turbie, con un dislivello di oltre 400 m. La linea era esercitata a vapore, con cremagliera di tipo Riggenbach.
Le reti nizzarde - La Turbie.

 

La ricostruzione

San Dalmazzo di Tenda.  Il Ponte dell'Officina Elettrica è il terzo attraversamento del Roya a sud di San Dalmazzo, dove la linea percorre due "tornanti" per perdere quota. Parzialmente distrutto dalla guerra, è stato ricostruito con la struttura ad arco del ponte originale, riutilizzandone le pile.
La ricostruzione - San Dalmazzo di Tenda.

 

Saorge.  Il ponte di Saorge - un ardito arco unico nella versione originale - è stato invece ricostruito in calcestruzzo, con due travi oblique impostate sulle pareti laterali della montagna. Per la costruzione si è utilizzato questo complesso e imponente ponteggio metallico a maglie rettangolari, impostato su due pile provvisorie gettate sul greto del Roya.
La ricostruzione - Saorge.

 

Scarassoui.  Per il più lungo ponte di Scarassoui, il ponteggio è ancora più imponente e singolare, con una struttura radiale impostata su un'unica pila centrale. In questa prima immagine si vede la realizzazione delle travi oblique e della soletta centrale.
La ricostruzione - Scarassoui.

 

Scarassoui.  In una fase più avanzata dei lavori, ulteriori ponteggi radiali permettono di completare le solette laterali.
La ricostruzione - Scarassoui.

 

Foto 20-29/35  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]   [Articolo principale / Main Page: TENDA]

[Home page]