Foto 33-41/41  << Pag. precedente   ^ Indice ^      (foto singola)

FS: la stazione diventa galleria

San Lorenzo al Mare.  Come per Ospedaletti, al posto della stazione si trova oggi un (utilizzatissimo) parcheggio per i bagnanti.
FS: la stazione diventa galleria - San Lorenzo al Mare.

 

San Remo.  A San Remo una stazione c'Ŕ ancora, ma tutta sotterranea, e raggiungibile solo attraverso un corridoio pedonale in galleria, lungo ben 400 metri. Quella vecchia era in riva al mare, a due passi dal centro.
FS: la stazione diventa galleria - San Remo.

 

Moncucco.  Con la variante in galleria di Fleres (1999) non Ŕ sparita solo la stazione ma anche uno dei tratti pi¨ affascinanti della rampa del Brennero.
FS: la stazione diventa galleria - Moncucco.

 

Una stazione in periferia

Cosenza.  La stazione Ŕ stata arretrata nel 1987, e ora si trova sperduta nel nulla della periferia nord, anzichÚ in pieno centro. I tralicci verdi di sfondo sono quelli di un centro commerciale costruito sulla ex-sede ferroviaria. La vecchia stazione (di cui, oltre a questi cartelli, esiste ancora il fabbricato) Ŕ subito dietro.
Una stazione in periferia - Cosenza.

 

Era proprio un ramo secco?

Mondový Breo.  La linea Mondový-Bastia Ŕ stata chiusa nel 1985, durante una celebre "tornata" di taglio di rami secchi. Con questa bretella, effettivamente secondaria, si Ŕ per˛ persa anche la fermata di Breo, molto pi¨ centrale per la cittÓ rispetto alla stazione principale di Mondový. Il binario Ŕ ancora lý: sarebbe bastato poco per prolungare a Breo le corse da Cuneo (altri dettagli), ma nel 2012 si Ŕ poi chiusa anche l'intera Cuneo-Mondový.
Era proprio un ramo secco? - Mondový Breo.

 

Bastia Mondový.  Una "provvidenziale" alluvione nel 1994, facendo crollare sei o sette ponti sul Tanaro, ha messo la parola fine alla Bra-Ceva, itinerario originale della Savona-Torino prima dell'apertura della linea diretta via Mondový (1933). Il suo tracciato di fondovalle aveva effettivamente il limite di non "centrare" i paesi, tutti in collina, ma questo non significa che non si potesse tentare un servizio pi¨ calibrato sul territorio. La linea Ŕ stata disarmata intorno al 2001 e il vasto piazzale di Bastia oggi si mostra malinconicamente deserto.
Era proprio un ramo secco? - Bastia Mondový.

 

Niella Tanaro.  Una nuova strada ha sfruttato in vari tratti il vecchio sedime della Bra-Ceva: il desolante fabbricato di Niella oggi si affaccia sulla strada da entrambi i lati.
Era proprio un ramo secco? - Niella Tanaro.

 

Moretta.  La direttrice "pedemontana" Torino-Airasca-Cuneo che, a differenza della Bra-Ceva, centra bene i paesi che tocca, avrebbe sicuramente meritato un orario pi¨ attraente. Invece la prima tratta da Airasca a Saluzzo Ŕ stata chiusa giÓ nel 1985. Su di essa Ŕ rimasto il binario da Moretta a Saluzzo, utilizzato come raccordo per la ditta Milanesio di Moretta. La restante tratta Saluzzo-Cuneo Ŕ sopravvissuta fino al 2012 con un servizio che sarebbe stato arduo definire appetibile.
Era proprio un ramo secco? - Moretta.

 

Villaganzerla.  Sulla linea Grisignano-Legnago.
Era proprio un ramo secco? - Villaganzerla.

 

Foto 33-41/41  << Pag. precedente   ^ Indice ^   

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]