Foto 13-22/50  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

L'inverno 2014

Provaglio.  Di buon mattino, un GTW percorre il rilevato boscoso in arrivo a Provaglio.
L'inverno 2014 - Provaglio.

 

Provaglio.  Il regionale Iseo-Rovato del mezzogiorno ha la fortuna di utilizzare l'ALn 668-121 nel suo bel colore arancio, fotografata nel rettifilo in arrivo a Borgonato, sullo sfondo del Monte della Madonna di Provaglio (inquadratura completa ampia).
L'inverno 2014 - Provaglio.

 

Bornato.  Per il viaggio di ritorno da Rovato, scelgo l'inquadratura con il castello di Bornato, ora nella luce piena del mezzogiorno.
L'inverno 2014 - Bornato.

 

Bornato.  Poco dopo, transita il GTW da Brescia. Sono attratto dall'idea della stazione di diramazione, con le due linee che confluiscono, e includo quindi il binario da Rovato in primo piano.
L'inverno 2014 - Bornato.

 

Sulzano.  Due GTW percorrono il tratto lungo il lago, sullo sfondo di Sale Marasino.
L'inverno 2014 - Sulzano.

 

Vello.  Da un poggio panoramico a fianco della statale si gode una delle viste più celebri. La scia a "V" della barchetta sul lago calmissimo è un piccolo segno fortunato, che compensa l'automotrice ridipinta nella mediocre colorazione Trenord.
L'inverno 2014 - Vello.

 

Marone.  A Vello il sole tramonta prima delle 16, mentre sotto Marone si gode ancora un po' di luce, ma perpendicolare alla linea: mi invento quindi questo panoramix molto aperto, sfruttando l'atmosfera del lago e della sponda opposta in ombra, con la mini-isola di Loreto, lunga appena 100 metri.
L'inverno 2014 - Marone.

 

Provaglio.  Il turno dell'ALn 668-121 prosegue al pomeriggio con un'altra corsa Iseo-Rovato. Alle 16.20 di inizio gennaio il sole è bassissimo e la luce semplicemente spettacolare. Il monastero di San Pietro in Lamosa è proprio a fianco della linea.
L'inverno 2014 - Provaglio.

 

Bornato.  L'ALn 668-121 da Rovato torna a Bornato per fare coincidenza con i treni Brescia-Iseo. I 20 minuti di sosta cadono perfettamente in ora blu, impossibile non sfruttarli. In realtà la stazione di Bornato è (anche giustamente) illuminata solo da due faretti sul fabbricato: devo scattare con tempi dell'ordine dei 4 s a diaframma tutto aperto e l'atmosfera è molto più buia di quel che sembra in foto, ma il risultato mi pare apprezzabile. I faretti che illuminano il muso della macchina mi ricordano certe foto di O. Winston Link, quell'americano che allestiva veri e propri set per la fotografia notturna alle locomotive a vapore.
L'inverno 2014 - Bornato.

 

Bornato.  Dall'altra parte, guardando verso ovest, il cielo è ovviamente molto più luminoso: è impossibile esporre correttamente anche l'automotrice, e così provo questo scatto diverso dal solito, sfruttando l'illuminazione interna e i fari accesi.
L'inverno 2014 - Bornato.

 

Foto 13-22/50  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]   [Articolo principale / Main Page: VALCAMONICA]

[Home page]