Foto 27-36/40  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

La ferrovia ionica senza fili

Cutro.  Sulla strada del ritorno, facciamo tappa nell'isolata stazione di Cutro (il paese è un centinaio di metri più in alto): la sua ragione d'essere è la presenza della galleria di valico, d 2 km, al termine della rampa che sale da San Leonardo. I grandi ventilatori che circondano il portale sono una caratteristica tipica e vintage di questo tunnel.
La ferrovia ionica senza fili - Cutro.

 

S.Leonardo di Cutro.  All'altro estremo della rampa, quello inferiore, è la stazione di San Leonardo, con la sua bella torre dell'acqua. Nell'ultima tenue luce del tardo pomeriggio, questa è proprio l'ultima foto: da qui torniamo in aeroporto, saluto il compagno di viaggio e prendo il bus per la stazione di Lamezia Terme Centrale. Il notturno per Roma Tiburtina partirà solo qualche minuto dopo mezzanotte: l'attesa è lunga, ma pazienza! Ne valeva senz'altro la pena. Poi da Roma l'indomani, con Italo, in un balzo sono a casa.
La ferrovia ionica senza fili - S.Leonardo di Cutro.

 

Cirò Marina.  A febbraio 2019 torno in Calabria per il vapore sulla Sila, e l'indomani tento la sorte sulla costa ionica. Il clima non è clemente... se in montagna trovo la neve, al mare tira un vento glaciale, sotto un cielo a dir poco plumbeo. Nel frattempo, dall'autunno 2018, i mini-IC sono svolti con carrozze Z nella nuova colorazione bianco-rossa, mentre già compaiono le fondazioni per i pali della linea aerea. Con tanta pazienza in postproduzione, cerco di rendere presentabile lo scatto del treno da Reggio Calabria, nonostante il meteo.
La ferrovia ionica senza fili - Cirò Marina.

 

Cirò Marina.  Ed ecco l'altro IC nella direzione opposta. A questo punto è inutile indugiare di più: faccio un giretto a Catanzaro, dove quanto meno il vento si è chetato, e poi punto su Reggio Calabria, dove mi aspetta l'ICN di ritorno!
La ferrovia ionica senza fili - Cirò Marina.

 

Lo Jonio a novembre

Nuovo! Bova Marina.  Domenica 10 novembre 2019 è previsto un treno storico in Sicilia. Ne approfitto per impostare un viaggio al sud, che si rivela fortunatissimo: ogni volta arrivo in ciascun luogo nell'unica giornata di sole! Il giovedì mi dedico ai tram di Roma, partendo in serata con l'ICN per la Sicilia. Scendo però a Villa San Giovanni, prendo al volo un Minuetto per Reggio Calabria e da qui il bus 27 per l'aeroporto. Alle 8.20, ancor prima dell'apertura, sono già davanti al chiosco dell'autonoleggio. Si parte, direzione Melito, dove termina l'elettrificazione e inizia la vera ferrovia ionica, rigorosamente diesel!

Prima tappa, il punto classico di Bova Marina, sotto la rupe, guardando verso ponente, nel tratto orientato est-ovest della costa calabra. Transita un'ALn 663 isolata.

Lo Jonio a novembre - Bova Marina.

 

Nuovo! Capo Spartivento.  Proseguo ora verso est. La stazione di Capo Spartivento non è ancora in luce giusta; è invece perfetto il lungo rettifilo che la precede, in un paesaggio profondamente mediterraneo, tra ulivi, canneti e fichi d'india. L'ALn 663.1182, al pari di varie altre, è una vecchia conoscenza piemontese. Di questa in particolare ricordo un lucente e innevato inverno sulla Ceva-Ormea.
Lo Jonio a novembre - Capo Spartivento.

 

Nuovo! Capo Spartivento.  I due regionali si incrociano a Brancaleone. Pochi minuti più tardi, arriva l'incrociante, e stavolta è una doppia: la attendo in un'incredibile distesa di fichi d'india.
Lo Jonio a novembre - Capo Spartivento.

 

Nuovo! Bova Marina.  E' tempo del "mini-Intercity" Reggio-Taranto. Il punto più favorevole è nuovamente Bova, dove scelgo l'inquadratura dal basso.
Lo Jonio a novembre - Bova Marina.

 

Nuovo! Ferruzzano.  L'IC corrispondente è atteso una quarantina di minuti più tardi. La scelta del luogo è quasi obbligata: lo spettacolare punto di Capo Bruzzano, tra Ferruzzano e Africo Nuovo, uno dei luoghi più affascinanti dell'intera linea.
Lo Jonio a novembre - Ferruzzano.

 

Nuovo! Brancaleone.  Per la successiva ALn 663 trovo un'inquadratura (in piedi sul guard-rail...) che per me incarna l'essenza della costa ionica: boschi variegati, canneti, il binario semplice e l'orizzonte del mare.
Lo Jonio a novembre - Brancaleone.

 

Foto 27-36/40  << Pag. precedente   ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]