Foto 3-12/25  ^ Indice ^   Pag. successiva >>   (foto singola)

Forme di automotrici (ma non ALn 668)

Airasca.  Ultimi servizi sulla linea per Saluzzo, che verrà chiusa a fine 1985 e successivamente smantellata. Oggi ad Airasca transitano solo i treni Chivasso-Pinerolo della linea SFM 2.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Airasca.

 

Novara.  Atmosfera di deposito, con tutti i rappresentanti dei tre tipi di trazione: l'automotrice ALn 772.3326 (e a lato una allora nuovissima ALn 663), la locomotiva a vapore 640.143 e l'elettrica E.626.256.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Novara.

 

Varallo.  Una doppia di automotrici ALn 772 è pronta a partire sul primo binario, mentre in fondo è in sosta una ALn 668 della serie 2400 Breda, anch'essa tipica del novarese.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Varallo.

 

Quarona.  Incrocio tra l'ALn 772 e una doppia di ALn 668 con in coda un altro veicolo poco comune: il rimorchio bagagliaio LDn 24, specifico per servizi con automotrici.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Quarona.

 

Castelbolognese.  Gli anni '50 sono dominati dalle forme tondeggianti, sia nella trazione elettrica, sia in quella diesel. Nei servizi secondari romagnoli, due esemplari di ALe 540 di terza serie fanno compagnia a una ALn 880. In entrambi i gruppi, soluzioni complesse e ingegnose hanno permesso di armonizzare il frontale aerodinamico con la presenza dell''intercomunicante tra i veicoli, realizzato mediante soffietti a scomparsa.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Castelbolognese.

 

Bologna.  Le ALn 880, realizzate in 40 esemplari da Breda nel 1950-53, hanno concluso la loro attività in Emilia Romagna, svolgendo servizi locali, tra cui questo diretto da Bologna per Ravenna, che impiega ben 4 veicoli, tra motrici e rimorchi Ln 880. La trasmissione era con cambio epicicloidale Wilson, con rodiggio 2'B'. L'unico esemplare ancora esistente, la ALn 880.2018, è conservato a Pietrarsa.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Bologna.

 

Pavia.  Sostanzialmente contemporanee alle ALn 880, le ALn 990 sono state realizzate nel 1950-53 in 24 unità Fiat (riconoscibili per le porte manuali a battente) e 40 unità OM (con porte pneumatiche a libretto). Dopo una carriera fatta di servizi rapidi sulle linee non ancora elettrificate, le unità OM hanno concluso l'attività sulle secondarie padane (le unità Fiat erano invece tipiche della Sicilia). La ALn 990.3018, qui ritratta, era l'ultima unità OM sopravvissuta; utilizzata ancora per circa un decennio come mezzo storico, è stata distrutta da un incendio nel 2005, ponendo la parola fine al Gruppo (in Sicilia esiste ancora un'unità Fiat, ma fino ad oggi in condizioni più che precarie).
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Pavia.

 

Montirone.  Aria di linea secondaria, lungo la Brescia-Parma, con l'addetto che sorride al fotografo mentre abbassa il passaggio a livello, in attesa di un incrocio.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Montirone.

 

Robbio.  Ancora nella seconda metà degli anni '80, due automotrici ALn 990 con un rimorchio Ln 990 al centro formavano una composizione tipica dei locali Pavia-Vercelli, qui a Robbio, a fianco del grande stabilimento per il trattamento del riso.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Robbio.

 

Lomellina.  Ancora una tripla di ALn 990 nel paesaggio delle risaie invernali.
Forme di automotrici (ma non ALn 668) - Lomellina.

 

Foto 3-12/25  ^ Indice ^   Pag. successiva >>

[Indice della sezione / This Section]

[Home page]